Elezioni amministrative: la guida per fare politica sui social in modo efficace


Tempo di lettura stimato
3 minuti
La guida per fare politica sui social in modo efficace

Le elezioni amministrative si avvicinano ed essere rilevante agli occhi degli elettori è sempre più complesso.

Se non sai come impostare la strategia per la tua campagna elettorale o ti sei affidato a professionisti che si “adattano” a fare comunicazione politica e stai avendo scarsi risultati lo “starter pack” per fare politica sui social fa al caso tuo.

Comunicazione politica sui social: scenario

Grazie allo sviluppo del Web 2.0 e all’affermazione dei social network lo scenario della comunicazione politica è cambiato negli ultimi anni. Dal 2008 in poi, cioè dopo la prima campagna di Barack Obama, si è visto concretamente come una strategia integrata che si basa anche su un uso massiccio dei social, può essere altamente impattante sull’elettorato.

Attraverso questi “nuovi” strumenti è possibile quindi creare un’offerta programmatica diversificata con l’obiettivo di massimizzare il numero di cittadini coinvolti nella discussione.

L’informazione, i propri contenuti, possono quindi raggiungere in modo capillare i vari segmenti della cittadinanza sempre più complessa e stratificata, che è ormai quasi impossibile cogliere come entità collettiva compatta e omogenea.

La rete permette possibilità inedite di comunicazione: se prima della nascita dei media digitali erano indispensabili risorse enormi per dare vita a un quotidiano, a un canale televisivo.

Oggi tutti possiedono i mezzi di produzione necessari per diffondere il proprio messaggio a un pubblico potenziale di milioni di persone.

Politica sui social: il social Media Marketing Politico

In questo contesto mediatico, i social media sono uno strumento indispensabile per chi ha un ruolo importante e offre opportunità inedite per costruire relazioni e coinvolgere stakeholder e sostenitori.

Nel dettaglio di una elezione amministrativa possiamo:

  1. Diffondere informazioni senza filtro o mediazione in cui i messaggi possono raggiungere parte dell’elettorale (one  to many);
  2. Differenziazione di pubblici e messaggi: possibilità di mandare in maniera estremamente precisa il proprio messaggio attraverso le adv;
  3. Ritorno immediato di una reazione da parte della platea a cui è indirizzato il messaggio.

Elezioni amministrative: Le regole per una buona gestione dei propri profili social.

Facebook

È la piattaforma in assoluto più utilizzata per la comunicazione politica a tutti i livelli. Oggi sia le più alte cariche di governo, sia i consiglieri comunali di piccolissimi paesi utilizzano questo strumento con fortune alterne.

Ma la pagina è l’unico modo per usare Facebook?

Dalla pagina possiamo:

  1. Accedere ai dati (insight) degli utenti che interagiscono con la nostra pagina/sito;
  2. Accedere al Business Manager e configurare Facebook e Instagram Ads;
  3. Accedere a funzioni avanzate di scheduling post, moderazione, tab/integrazioni con software di terze parti, gestione multi-admin,
  4. Non si ha il limite dei 5mila amici.

I gruppi Facebook

I gruppi sono un luogo per connettersi con persone che condividono interessi simili. Si può creare un gruppo e collegarlo alla propria Pagina per creare una community con i fan e sostenitori.

I gruppi permettono anche di avere accesso ai dati statistici in modo tale da comprendere come i membri interagiscono al suo interno, chi sono i membri più attivi e scoprire quali post generano più interazioni.

Pagine e gruppi Facebook (differenze)

La pagina si configura come un canale di comunicazione spesso unilaterale dove il creator ha il potere di distribuire contenuti ai fan, i quali si limitano a commentarli e condividerli.

Nei gruppi Facebook invece la situazione è differente: è possibile instaurare una conversazione orizzontale, bidirezionale, meno ingessata e più informale, dove anche gli iscritti vengono coinvolti nella creazione di contenuti, e dove al centro di tutto si trova la comunità, le relazioni.

I dati mostrano che, mentre un post condiviso sulla pagina raggiunge organicamente solo una minima parte dei suoi fan, la pubblicazione del medesimo post su un gruppo Facebook aumenta di gran lunga la reach (persone raggiunte dal post), in quanto notificata a ciascun iscritto.

Le caratteristiche di un post di successo

Elementi fondamentali di un post di successo:
  1. Headline – catalizzatore di attenzione
  2. Creatività – i post devono essere riconoscibili – devono avere un’identità e un’anima
  3. Tempismo

I copy (testo) del post devono essere concisi (se abbiamo comunicazioni lunghe usiamo i video), e le informazioni più importanti devono essere contenute nelle prime 5/7 righe

Quando possibile utilizzare un titolo in MAIUSCOLO come frase d’apertura della copy (se in accordo con il tone of voice)

Sì agli emoticon (faccine) ma con misura, es. Una nel titolo e una nella frase finale/CTA.

A regolare la visibilità di un post, e il funzionamento di ogni feed è un algoritmo che si basa su alcuni segnali di contesto e di contenuto. Tra le variabili più importanti da tenere in considerazione ci sono:

  1. Tempismo – novità;
  2. Interazione tra gli utenti (Commenti, condivisioni, reactions);
  3. Tipo di contenuto (Video, link, immagine);
  4. Tempo medio trascorso (Anche senza cliccare);
  5. Condivisione su WhatsApp o Messenger.

Twitter – per la politica

Twitter è uno strumento che ci può garantire una grande copertura mediatica se utilizzato nel modo corretto:

  1. Racconto attività sul territorio;
  2. Racconto delle ospitate televisive/radiofoniche con contenuti creati ad hoc (Citazioni e pillole video interventi);
  3. Volano per eventi rilevanti che vengono rilanciati frase per frase sul social dei cinguettii attraverso la tecnica del live-twitting;
  4. Battuta per la stampa da rilanciare con uno screenshot su Facebook per aumentarne il pubblico.

ADV POLITICHE

Se hai trovato questo articolo utile e vuoi capire come impostare la tua campagna elettorale con un professionista contattami.

Chiamami

Condividi questo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *