5 skills che un social media manager politico deve [ASSOLUTAMENTE] avere!


Tempo di lettura stimato
3 minuti
Social media marketing politico

Fino a qualche anno fa la figura del social media manager politico non esisteva nel mercato del lavoro, ma la proliferazione delle piattaforme sociali ha imposto alle aziende e alla politica di dotarsi di una persona che curi e gestisca i canali social.

Ma a cosa serve un social media manager politico? 

Questo repentino cambiamento tecnologico ha prodotto anche un cambiamento comunicativo all’interno della società, infatti se prima i principali mezzi di comunicazione erano quelli di massa – caratterizzati da un tipo di comunicazione one to many – oggi la comunicazione si basa sullo scambio di informazioni tra utenti, many to many.

E i social network sono l’esempio di come oggi la comunicazione – anche quella politica – sia cambiata.

Quanto più queste piattaforme sono diffuse, tanto più gli attori politici ed i cittadini sono incentivati ad utilizzarle, infatti:

  • per gli attori politici diventa uno strumento utile, per raggiungere i potenziali elettori e comunicare in maniera diretta con loro;
  • per i cittadini, quanto più i media digitali sono diffusi tanto più hanno la possibilità di venire in contatto con le informazioni politiche messe a disposizione.

E qui entra in campo il social media manager politico. Un professionista che cura la presenza di un soggetto politico sui social network, gestendo le piattaforme in base agli obiettivi e il target di riferimento.

E quindi quali sono le 5 skills che deve necessariamente avere un social media manager che si occupa di politica?

1. Progettare e ideare contenuti visivi

I social media sono cambiati negli ultimi anni: si è passati da post prettamente testuali a post con immagini e video. Non solo, diverse ricerche hanno dimostrato che i post multimediali sono più coinvolgenti.

Quindi essere in grado di utilizzare programmi di grafica in maniera professionale sta diventando un’abilità essenziale per i social media manager.

Non bisogna necessariamente essere laureati in design per fare dei contenuti efficaci e gradevoli. Basta conoscere il funzionamento dei programmi di grafica, avere le nozioni di base sulla costruzione di un contenuto multimediale e un buon occhio. Il gioco è fatto

à Qui trovi il mio portfolio, puoi trovare i miei lavori

2. Abilità di scrittura [Copywriting]

Le immagini sono essenziali, ma anche un’ottima scrittura è fondamentale.

Un buon social media manager politico deve saper scrivere una buona headline, raccontare storie coinvolgenti, e strutturare il testo per una facile lettura online. 

Una buona scrittura può aumentare l’engagement e aumentare la portata organica dei post.

3. Abilità analitiche e di reportistica

È necessario che il social media manager politico sia in grado di comprendere le metriche dei social network (Mi piace, commenti, condivisioni), interpretarli e indicare la via da seguire.

È fondamentale individuare degli obiettivi (S.M.A.R.T.) significativi ed elaborare i contenuti per centrarli.

4. Comprensione e gestione della community

Grazie all’analisi dei dati possiamo comprendere che tipo di post è andato meglio, ma è opportuno capire anche perché determinati temi hanno migliori risultati di altri e viceversa. 

Conoscere bene la nostra community e il target a cui parliamo significa interpretare il passato per cercare di comprendere le cause dei successi/insuccessi e sfruttarli a nostro favore per i post futuri. 

5. Pianificazione strategica e curiosità

I social network sono in continua evoluzione, quindi è necessario essere sempre al passo con gli aggiornamenti. La conoscenza dei mezzi tecnici è fondamentale per fare un buon lavoro. Ma non basta.

Bisogna essere in grado di delineare gli obiettivi, definire il tuo pubblico di riferimento e individuare le piattaforme più in linea. Solo così potrai elaborare una strategia efficace per la gestione dei social.

P.s. Non dimenticare l’attenzione ai dettagli


Vuoi rendere efficace la tua comunicazione politica sui social network e mettere il turbo alla tua campagna elettorale:

PARLIAMONE

Condividi questo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *